Donodiluce.ch : un’azione ecumenica invita alla speranza, gratitudine, al ringraziamento e alla solidarietà

Comunicato stampa

Berna, 29 marzo 2021

Questo è un altro modo di manifestare in tempi di pandemia: a partire dal 3 aprile sarà possibile accendere una candela virtuale su www.donodiluce.ch e inondare la mappa della Svizzera con un mare di luci in segno di solidarietà. Con questa piattaforma di tributi, le Chiese in Svizzera stanno creando un luogo per messaggi, preghiere e testimonianze di speranza. Il presidente della Confederazione Guy Parmelin accenderà la prima candela.

Dopo più di un anno sotto il segno della pandemia del coronavirus, la solidarietà nazionale ci invita su una piattaforma dal sabato di Pasqua al lunedì di Pentecoste (3 aprile – 24 maggio 2021). La Chiesa Evangelica Riformata Svizzera, la Conferenza Episcopale Svizzera, la Conferenza Cattolica Centrale Romana, la Chiesa cattolica cristiana Svizzera, il Gruppo di Lavoro delle Chiese Cristiane in Svizzera e la Rete Evangelica Svizzera lanciano il sito trilingue “donodiluce.ch”. Nel cuore del sito, una mappa della Svizzera brillerà sempre di più con tutte le luci accese in segno di ringraziamento, di speranza, di unione con gli altri, o come omaggio a una persona scomparsa. Tutti sono invitati a condividere i loro pensieri e inviare un messaggio o un saluto sulla piattaforma con una candela virtuale che brillerà nel loro cantone di origine. La candela e il suo messaggio possono anche essere inviati a qualcuno.

Anche il presidente della Confederazione sostiene questa iniziativa di solidarietà. Per segnare il lancio della piattaforma, Guy Parmelin fa un’apparizione video e accende la prima candela su “donodiluce.ch”. Nel suo messaggio, ha ringraziato tutte le persone e le istituzioni che sono impegnate ad aiutare le persone a uscire da questa crisi. “Con l’avvicinarsi della Pasqua, ho voluto dare oggi un segno simbolico di speranza e invito tutti sul sito donodiluce.ch a fare lo stesso nei prossimi 50 giorni come segno di speranza per il futuro”, ha dichiarato il presidente della Confederazione.

Per il vescovo Felix Gmür, presidente della Conferenza episcopale svizzera, una luce di comunione e una luce di speranza vanno di pari passo: “È molto triste perdere una persona cara a causa del coronavirus. Ricordiamo le persone che sono morte e ci consoliamo a vicenda. Per questo ci offriamo reciprocamente una luce. Noi crediamo nella vita”

La presidente della Chiesa evangelica svizzera Rita Famos sottolinea quanto sia importante, in questo tempo che stiamo vivendo, trasmettere la luce della Pasqua, simbolo della vita. “Offrire una luce è un altro modo di manifestare in tempi di pandemia: una dimostrazione della nostra unione e fiducia. In effetti, siamo tutti manifestanti contro la morte, in tutte le sue forme. Offrendo luce, ci opponiamo alla frustrazione, alla fatica, al dolore e all’incolparsi l’un l’altro. “

Anche la Rete Evangelica Svizzera RES sostiene l’iniziativa. “Dio è vicino a noi, anche nel profondo delle tenebre. L’azione “Dono di luce” ci ricorda che l’oscurità non ha l’ultima parola: questo è il messaggio di speranza che è al centro della celebrazione della Pasqua. “

Ufficio stampa della Chiesa cattolica cristiana in Svizzera

www.lichtschenken.ch
www.offreunelumiere.ch
www.donodiluce.ch

Il comunicato in PDF
Download