Informazioni ufficiali sul Coronavirus SARS-CoV-2 (COVID-19)

Covid-19: nuovo limite riguardo le celebrazioni religiose e funerali (29 ottobre 2020)

  • I riti religiosi e i riti funebri possono ammettere la partecipazione di un massimo di 50 fedeli.
  • Per l’organizzazione dei riti funebri e la gestione delle salme fanno stato i piani di protezione del servizio onoranze funebri coinvolto dalla famiglia del defunto, che comunque tengono conto dei provvedimenti in vigore.
  • Si ricorda che alle persone particolarmente a rischio per età o patologie pregresse è vivamente raccomandato di limitare la presenza alle manifestazioni o cerimonie con elevata concentrazione di persone.
  • Il registro delle presenze è richiesto solo se il distanziamento fisico di 1,5 metri tra nuclei familiari o tra persone non è rispettato.
  • Vale come per tutti i luoghi chiusi accessibili al pubblico l’obbligo di porto della mascherina.

Con la seconda ondata dell’epidemia di Covid 19, il rischio di infezione è di nuovo aumentato in modo massiccio. Per questo motivo, il Vescovo e il Consiglio sinodale ricordano il precedente piano di protezione e aggiungono qui quanto richiesto dall’attuale Ordinanza federale.

1. l’obbligo della mascherina è ora valido anche nelle nostre chiese e nei locali della parrocchia. Questo include ingressi, foyer e scale. Le informazioni sulle mascherine obbligatorie devono essere chiaramente visibili. Sono ammesse solo mascherine testate con effetto protettivo.
Il caffè della chiesa con una distanza sufficiente è possibile, ma può essere consumato solo da seduti (ad eccezione se si usano le mascherine).
2. le misure igieniche devono essere eseguite senza modifiche. È obbligatorio il lavaggio e/o la disinfezione frequente delle mani. Allo stesso modo, le parti di edifici, oggetti e superfici che vengono toccate dalle mani devono essere pulite e disinfettate regolarmente.
3. le distanze devono essere mantenute, se possibile anche con una maschera; almeno 1,5 m.
4. nelle celebrazioni la mascherina può essere temporaneamente rimossa solo da chi parla e chi canta. Per queste persone una mascherina a visiera con visiera in plastica trasparente può essere un’alternativa alle maschere facciali in tessuto e carta.
All’altare o al banco di lettura la mascherina può essere omessa per motivi acustici. In questo caso, tuttavia, è assolutamente necessaria una distanza sufficiente.
5. il canto dell’assemblea è molto problematico, la mascherina deve essere indossata; Il canto dei cantori e la musica strumentale possono essere un’alternativa.
6. la celebrazione della comunione deve essere organizzata con grande cura. La distribuzione del vino è vietata, il/la celebrante lo consuma da solo. La versione secondo la quale il celebrante ha un’ostia su una patena che consuma da solo si è rivelata la migliore. Accanto ad essa la ciotola del pane con l’ostia singola per i credenti, questa viene tenuta costantemente coperta fino alla distribuzione. (Nota: i singoli contenitori per gli ospiti non sono necessari, distruggono il simbolismo proprio come le singole tazze). Le mani vengono nuovamente disinfettate prima della distribuzione. Poiché la persona che distribuisce l’ostia deve indossare una mascherina, la parola di donazione può essere pronunciata in modo comune.
7. i dati di contatto dei visitatori delle funzioni religiose e di altri eventi devono essere registrati (ogni persona o un contatto per famiglia)
8. l’insegnamento religioso deve continuare ad avere luogo se si possono garantire le misure di protezione che si applicano alle scuole a livello cantonale. Se ci sono regolamenti diversi per i diversi tipi di scuole e gruppi di età, si consiglia di prendere il più ampio per tutti nell’educazione religiosa.
La cura pastorale individuale e i colloqui nell’ambito degli infermi dovrebbero essere possibili anche di persona senza restrizioni, se tutti gli interessati lo desiderano e se le misure di protezione possono essere garantite.
9. gli eventi con più di 100 persone devono necessariamente avere un proprio piano di protezione
10. i dipendenti delle comunità ecclesiali dovrebbero lavorare a casa, se possibile, o, nel caso di uffici condivisi, rimanere in essi a orari scaglionati.
Il clero e le autorità ecclesiastiche sono responsabili dell’adesione e dell’adattamento del piano di protezione alle condizioni locali.
Daniel Konrad, 19 ottobre 2020


Chiesa cattolica cristiana della Svizzera
Berna, 16 marzo 2020

Messaggio del Vescovo e del Consiglio sinodale

A seguito della situazione straordinaria dichiarata dal Consiglio federale ai sensi della legge sulle epidemie a causa della pandemia di coronavirus, anche le funzioni religiose e altri eventi sono ora provvisoriamente vietate fino al 19 aprile 2020. Questo riguarda anche tutte le parrocchie cristiane cattoliche.

Vi informeremo separatamente sulle soluzioni alternative il più presto possibile.

Vescovo Harald Rein                                           Presidente del Consiglio sinodale Manuela Petraglio-Bürgi

 


In vista dell’attuale pandemia, la Chiesa cattolica cristiana della Svizzera ha adottato diverse altre misure.

  • Nelle modifiche dell’ordinanza 2 sulla pandemia di coronavirus annunciate il 16 marzo 2020, il Consiglio federale vieta tutte le manifestazioni pubbliche e private. A contatto con altre persone, si è maggiormente a rischio se si soffre di tosse, problemi respiratori (in particolare polmonite) o di febbre (sintomi influenzali) o di problemi digestivi, congiuntiviti oculari o, in particolare, polmonite.
  • Astenersi dallo stringere la mano nei saluti, nei saluti di commiato.
  • Si prega di seguire anche le raccomandazioni generali in materia di igiene dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

Particolare attenzione deve essere prestata alle persone di età superiore ai 65 anni e alle persone con determinate condizioni preesistenti. Le persone con una delle seguenti condizioni preesistenti sono particolarmente a rischio: • alta pressione sanguigna, • malattie respiratorie croniche, • diabete, • malattie e terapie che indeboliscono il sistema immunitario, • malattie cardiovascolari, • cancro.

Secondo lo stato attuale delle conoscenze, la trasmissione avviene particolarmente:

  • Per un contatto stretto e prolungato: Se si mantiene una distanza inferiore a due metri da una persona malata per più di 15 minuti.
  • Da goccioline: Se il malato starnutisce o tossisce, i virus possono arrivare direttamente sulle mucose del naso, della bocca o degli occhi di altre persone.
  • Attraverso le mani: Gocce contagiose da tosse e starnuti possono essere sulle mani. Possono arrivare alla bocca, al naso o agli occhi se li si tocca.

Anche se le messe e gli eventi della nostra chiesa non possono avere luogo al momento, la cura pastorale personale è ancora disponibile.

 


Educazione religiosa e lavoro giovanile

Dopo che il 13 marzo il Consiglio federale aveva sospeso le lezioni scolastiche a livello nazionale, lo stesso giorno è stata istituita nella Chiesa cattolica cristiana una task force che si occupa di questioni di educazione religiosa. La task force è composta dal vescovo Harald Rein, dal pastore Christoph Schuler e dal pastore Dr. Adrian Suter. Il 13 marzo ha deciso quanto segue per quanto riguarda i campi cattolici cristiani e le occasioni analoghe:

  • Il Firmweg del 21 marzo a Berna, la Leiterschulung della Piattaforma dei giovani del 21 marzo a Berna e il campo di prima comunione/cresima, che si sarebbe svolto al Berghüsli a partire dal 5 aprile, sono stati cancellati.
  • Per quanto riguarda il campo per la prima comunione/cresima della parrocchia di Lucerna il 20-23 maggio, all’inizio della prossima settimana la task force effettuerà una valutazione dei rischi in collaborazione con il Dipartimento della sanità del Cantone di Lucerna.
  • I Chri-So-La di luglio a Mörlialp avranno luogo, a condizione che per allora la situazione epidemica si sia attenuata.

 


Ulteriori informazioni

 

Stato dell’informazione: 16 marzo 2020

 

***Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)***