Matrimonio

BrautpaarLa relazione di due persone che si sono sposate liberamente davanti alle autorità civili competenti e che sono pronte a porre il loro matrimonio sotto la benedizione di Dio, gode di una benedizione speciale nella Chiesa. Questa unione fa parte della continuità di cui parla la Bibbia quando menziona l’eterna alleanza che Dio ha stabilito con il suo popolo o l’amore reciproco di Gesù e della sua Chiesa. Così, nei giorni felici e difficili, il matrimonio può trovare forza, aiuto e realizzazione, in questa benedizione (come dice il prete nella preghiera di benedizione). Nell’atto sacramentale della benedizione del matrimonio (che è impropriamente chiamato matrimonio religioso), si sottolinea che la comunità di amore dell’uomo e della donna, che trasmette la vita, ha un posto eminente in tutte le relazioni che gli umani possono stabilire (vedere Gn 1,27-28, 2,18-24, Mc 10,1-12, .Ef 5,21-33).

In riferimento al mistero della Chiesa in cui è iscritta la benedizione del matrimonio, è del tutto appropriato celebrarla in un’Eucaristia; ma può anche avere luogo in una liturgia della Parola celebrata dal prete. Se coppie di fedi diverse desiderano celebrare la loro unione in modo ecumenico, è sufficiente che si rivolgano ai ministri delle loro parrocchie.


Nuovo matrimonio dopo un divorzio

La Chiesa cattolica cristiana della Svizzera basa la sua pratica pastorale sul desiderio principale di accogliere le persone. Così spera di soddisfare la necessità di una riconciliazione e la guarigione di tutte le relazioni umane che possono essere lese dai fallimenti della vita. Dopo un cammino basato su un approccio di fede, la Chiesa cattolica cristiana accetta la celebrazione del sacramento del matrimonio, dopo un nuovo matrimonio civile, alle seguenti condizioni:

  • È auspicabile che siano trascorsi due anni dalla conclusione del divorzio per iniziare i colloqui per la benedizione di un nuovo matrimonio.
  • È auspicabile che gli obblighi del decreto di divorzio (pensione, accesso, ecc.) siano realizzati con soddisfazione degli ex coniugi.
  • Si spera che il coniuge divorziato abbia fatto una valutazione del fallimento della sua prima unione in modo che la nuova coppia possa costruire su basi solide.
  • È auspicabile che il coniuge non divorziato accetti che il suo coniuge abbia avuto una relazione precedente, specialmente se i figli sono nati al momento del primo matrimonio e siano pronti ad accoglierli nella nuova casa.
  • È auspicabile che la coppia sia pronta a scoprire ed esplorare il significato cristiano del matrimonio oltre i fallimenti del passato.

 


Benedizione delle coppie dello stesso sesso

Sich die Hand reichenAl Sinodo Nazionale 2006, la Chiesa cristiana cattolica della Svizzera ha ricordato che “la preferenza sessuale di un essere umano e il suo modo di viverla in una prospettiva cristiana non possono di per sé essere un fattore determinante” per l’esercizio di un ministero nella Chiesa. La Chiesa cristiana cattolica, tuttavia, ha ricordato l’importanza di una certa intelligenza pastorale nell’impegno del clero che vive nel partenariato omosessuale.
Riguardo alla benedizione di queste coppie, la Chiesa cattolica cristiana è diventata consapevole degli attuali cambiamenti sociali, in particolare per quanto riguarda le richieste di persone omosessuali che vorrebbero ricevere una benedizione per la loro coppia, benedizione che non è né un sacramento né un matrimonio religioso.
La Chiesa cattolica cristiana offre due diverse forme di benedizione per queste coppie. Ciascuna delle forme consiste in una preghiera di benedizione:

  • in una celebrazione completa, in chiesa o in un ambiente privato (ad esempio nell’appartamento della coppia)
  • durante l’Eucaristia parrocchiale